h1

Occhio di Luce

dicembre 18, 2005

Oggi stranamente non piove. A Roma sta facendo un tempo da lupi ormai dalla scorsa estate. Piove quasi tutti i giorni e l’umore ne risente, anche per quelli che come me amano le giornate uggiose. Insomma, quando è troppo è troppo.
Con Sean si bisticcia e ci si becca ogni sera. Credo sia per via della lontananza, che ormai comincia a pesare. Abbiamo concordato che non ci sarà più un altro periodo della nostra vita in cui saremo distanti per così tanto tempo. Ma ormai è quasi finita. Presto vi racconterò qualche novità, per ora voglio tenerle per me.
E’ la solita, sciocca scaramanzia, lo so. Ma preferisco così.

Ieri mattina ho partecipato alla recita scolastica del mio nipotino di 4 anni. I temi erano naturalmente la natività e la pace e il mio adorato recitava la parte di tale “Occhio di Luce”, una stellina che scende sulla Terra per assistere alla nascita di Gesù e riportare poi agli angeli e alle altre stelle la meraviglia di ciò che ha visto.

Ho pianto dall’inizio alla fine. La voce tenera di tutti quei bimbi e le loro faccine innocenti e sincere mi hanno sciolto in lacrime. Mentre li guardavo, incapace perfino di fare delle foto, pensavo che sarebbe bastato far assistere alcuni potenti personaggi politici (e non) per scaldare un po’ il loro cuore e cambiare le sorti di tanta, tanta gente. E invece non è così, non basterebbe nemmeno questo, purtroppo.
Comunque sono di lacrima facile, ultimamente. Me ne rendo conto, ma non posso farci nulla. Devono essere gli ormoni impazziti, chissà…

Riallacciandomi al tema del il mio ultimo post, in cui parlavo dei regali di Natale, vorrei segnalare il sito di Italia Solidale, che è solamente una delle associazioni ONLUS presenti in Italia ad occuparsi di adozioni a distanza. Questa, in particolare, è gestita in gran parte da missionari religiosi, ma ce ne sono moltissime altre gestite da laici. Come qualcuno già sa, io non sono una persona molto credente, ma questo non c’entra con l’aiutare chi ne ha bisogno.
Quando venni a conoscenza di questa associazione, ormai parecchi anni fa, non potei fare a meno di partecipare e di coinvolgere anche famiglia e colleghi di lavoro. Bastano solamente 300 euro l’anno per adottare un bimbo a distanza o per sostenere, per esempio, una scuola. Pensateci, magari, se non avete ancora deciso cosa regalarvi per Natale. Se pensate che la cifra sia troppo alta, potreste pensare, per esempio, di dividerla con qualcuno – parenti, amici, colleghi.

E questo era il consiglio della settimana.
La rubrica “parola del giorno”, invece, riprenderà il più presto possibile.
Bis Dann!

Annunci

8 commenti

  1. Il passero della zia che fa Occhio di Luce…. bello patato, che spettacolo! Ti credo che hai pianto tutto il tempo non hai una foto di passero vestito da Stellina? Rob


  2. Di foto non sono riuscita a farne – un po’ per le lacrime, un po’ per la luce pessima – ma era un tesoro, erano tutti dei tesori.


  3. Io sono metereopatica: quindi ti capisco benissimo!
    Faccio il tifo per il sole. A Parigi la scorsa settimana c’è sempre stato nuvolo, mentre con piacevole sorpresa, qui a Modena c’è il sole da quando sono tornata!
    Ciao, Chiara


  4. poi naturalmente al più presto cancella anche quello qua sopra!!!! che catena…


  5. Per Pink:
    No problem, già fatto!
    Spero non troppi casini, comunque!
    Ciao


  6. grazie grazie grazie!
    parecchi casini, per la serie la libertà di parola…
    !!!!!


  7. p.s. sì sì, aggiorna il link!


  8. Tranquilla, siamo in 2 !!
    Ciao



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: