h1

Il Mattino ha L’Oro in Bocca

settembre 3, 2006

Ieri sera, dopo una breve cena fuori e un paio di Cuba Libre, abbiamo beccato “Shining” in tv.
Ricordo ancora molto bene il giorno in cui ho comprato questo, che di Stephen King è sicuramente uno dei libri più belli: era un sabato pomeriggio, pioveva a dirotto e Pamela ed io, sedicenni da poco, avevamo passato un paio d’ore da Feltrinelli a Piazza Argentina. Ricordo che sul 716 che ci riportava a casa sua – dove più tardi ci avrebbero raggiunto le altre compagne di classe, avevo iniziato a leggere le prime pagine e pensavo che non vedevo l’ora di tornarmene a casa per gustarmelo sdraiata sul mio letto (che ancora oggi è il posto dove mi piace di più leggere o studiare!).
Il libro lo divorai, come facevo abitualmente con tutti i libri di King. Poi ricordo anche che lo prestai, insieme al resto della mia amata collezione, ad un caro amico di mia sorella che, ooops, si dimenticò di restituirmeli tutti. Dieci libri di Stephen King svaniti nel nulla, per me un dolore così grande che, ancora adesso, a pensarci mi viene un travaso di bile. E fu allora che decisi che non avrei mai più prestato libri agli “sconosciuti”.

Tornando a ieri sera, il film me lo sono proprio gustato. Specie perché sono riuscita a capire quasi tutto, il che non è roba da poco.
Una curiosità: nella versione tedesca, la scena in cui Wendy trova quelle che dovrebbero essere le pagine del manoscritto di Jack, e che si rivelano essere solamente ripetizioni infinite della frase “Il mattino ha l’oro in bocca”, in tedesco si legge “Was Du heute kannst besorgen, das verschiebe nicht auf Morgen”, ossia “non rimandare a domani ciò che può essere fatto oggi”.
Nella lavorazione del film, Stanley Kubrick volle che queste pagine fossero veramente battute tutte a macchina, e non solo in inglese, ma anche in tutte le lingue che avrebbero poi doppiato il film. Un lavoro da certosini, poveri sguatteri!
Inoltre, questo fu il primo film ad usare una steadycam per le riprese, il che spiega perché le scene di Danny che sfreccia per gli spaventosi corridoi dell’albergo con il suo fido triciclo furono, ai tempi, efficacissime.
Un libro stepitoso, un film strepitoso: rara combinazione, visto che quasi mai mi è capitato di amare un film tratto da un libro che mi era piaciuto altrettanto.

Ora non mi resta che aspettare che Sean la smetta di imitare continuamente l’espressione folle di Jack Nicholson, che devo ammettere gli riesce anche piuttosto bene. Oggi me lo sono ritrovato che faceva capolino dalla porta del bagno con il ghigno malefico. Ci vuol pazienza.

Annunci

30 commenti

  1. hahahah! fantastico post! Prestare i libri? quando me li chiedono io preferisco dargli i soldi per comprarseli!


  2. Ho visto il film una sola volta nel 1981 0_0 Non sono più riuscito a vederlo…
    Mi piace King come scrittore, ma in tutta onestà questo genere di film (ancora oggi) un po’ mi inquieta 🙂

    Un bacetto


  3. Ogni qual volta non posso fare a meno di prestarli (lo faccio solo per una sorta di dobolezza sentimentale), li vado subito a ricomprare, non dicendo nulla a nessuno, dando per scontato che quelli prestati o non ritornano più, oppure ritornano quasi sempre non nelle stesse meravigliose condizioni precedenti al prestito.
    Che rabbia. 😦

    Quanto al film, è un capolavoro assoluto che non sono mai riuscito a vedere di notte, da solo.
    Quel bimbo è troppo inquietante.
    Con il triciclo poi…

    🙂


  4. ciao mi sono imbattuto in questo bellissimo blog santo google che ci aiuta nei meandri di internet,che dire capisco questa lontanza dall’italia ma da come vedo stai riuscendo nell’ambietarti in questo paese che è la germania.Che dire ti auguro tanta buona fortuna a te a Sean e che l’italia non sarà mai lontana con internet,ah ho visto un tuo discorso degli italiani all’estero e ceredimi quando si è fuori veramente si è più patrioti e te lo dice uno che anche se fa viaggi brevi ma porta sempre con sè quella sua italianità che credo anche tu hai nelle tue vene.
    Ciao Pasquale


  5. Di Shining ho visto il film, ma non ho letto il libro, penso sia una cosa più unica che rara: di solito, leggo il libro ma non guardo il film che ne è stato tratto!
    Vedrò di rimediare, poi se vuoi ti presto il libro! 😀


  6. forse uno dei film/libri piu belli dopo Misery…..e inevitabile ogni volta che vedo quel dopo per uno o due giorno sono anche io colto dalla maledizione del ghigno malefico….


  7. Wanda:
    idea da copiare! Io li presto solamente a quelli di cui frequento casa così, se non me li restituiscono, appena capito a casa loro me li riprendo da sola! 😉

    Gidibuh:
    Una volta sola? Capisco, è inquietante sul serio. A me, però, piace da matti!

    Tacku:
    Se me li rendono rovinati, il travaso di bile aumenta!!
    Io il film lo guardo solo se in compagnia…se no, non se ne parla!! 😉

    Pasquale:
    grazie per i complimenti e per gli auguri e passa pure quando vuoi! 🙂

    Coneja:
    Se ti piace il genere, questo libro è imperdibile e te lo consiglio. Come moltissimi altri di King, del resto. Vale la pena fare uno strappo alla regola, per una volta! 🙂

    Pib:
    Misery è anche quello uno dei miei preferiti di King, oltre a Il Miglio Verde. Il mio preferito in assoluto è Pet Sematary, ma il film tratto da quest’ultimo, invece, fa a dir poco pena e corrisponde molto poco al libro.
    Anche tu col ghigno malefico? hahaha, noooo!!! 🙂


  8. Anch’io ho amato King in un periodo della mia vita. Lo scoprii verso la fine degli anni 80, grazie ad un mio amico che mi prestò Le notti di Salem, che però gli restituii;-)
    Il libro mi rapì totalmente: passavo delle fredde serate invernali immerso nella letture di un genere a me totalmente nuovo. A volte queste letture mi lasciavano terrorizzato.
    I due libri di King che ho amato di più sono sicuramente It e L’ombra dello scorpione.


  9. Anch’io da buon amante feticista dei libri ODIO prestarli. E’ la mia risposta è sempre tassativamente NO!

    Per i libri di King li adoro tutti, i suoi film un po’ meno e men che meno i film di Kubrik che proprio non mi piaciono …non mi piace il suo stile ma in genereale è un genere cinematografico che apprezzo molto! 🙂


  10. ahahahah non oso pensare a cosa potrebbe fare Sean se doveste vedere Shrek!
    😉


  11. Ciao!
    Nel suo genere “Shining” è un gran film, l’ho visto due volte,… la prima, lo ammetto, essendo una tipa impressionabile… beh, dire che mi colpì molto è poco.. :I .. La seconda volta ho potuto guardarlo con il distacco di chi “eh, ti conosco ormai!!!” .. Il libro invece non l’ho letto: libri e film mi prendono così tanto che non ci dormirei per una settimana! :S

    Felice di scoprire la tua pagina! 🙂


  12. Dioniso:
    It non l’ho mai letto perché avevo già visto il film in tv e anche perché, sinceramente, il numero di pagine mi mette un po’ in imbarazzo!! Anch’io ho scoperto King alla fine degli anni ’80: ero ricoverata per una brutta appendicite e leggevo un libro al giorno! 🙂

    Düss:
    a chi lo dici, Kubrick non mi piace per niente. Questo è l’unico dei suoi film che sono riuscita a guardare e devo dire che è magistrale, l’atmosfera è inquietante! So, però, che Stephen King non l’ha mai approvato!
    Per i libri, immaginavo che avessi un problema nel prestarli! 😉

    Beppone:
    hehehe! Li abbiamo visti entrambi ed è andata bene, per fortuna!! Niente spirito di emulazione! 😉

    Dri:
    benvenuta 🙂
    Anch’io non ci ho dormito per alcuni libri di King. Non tutti mettono paura, però, e questo non tutti lo sanno (non Shining, questo FA paura eccome!) 🙂


  13. Ho visto solo il film, Non una due tre volte! E da sola.
    Jack, lo interpreta troppo bene…ha un viso, una personalità, che si presta troppo bene a questa parte!
    L’immagine che mi è rimasta impressa, è quando rincorre la moglie all’interno del labirinto di neve
    Il libro no, non l’ho letto!

    In quanto a prestare cose non lo faccio più…non mi è mai ritornato indietro più nulla, e ionon ho nemmeno il coraggio di chiedere, perché come facco io, vorrei che sia la persona alla quale ho prestato qualsiasi cosa, a essere gentile nel restituirmelo¨! Ma non è mai capitato.


  14. grazie mille per il tuo appoggio. spero vorrai diffondere questa petizione anche te. più gente lo sà e meglio è.. grazie ancora. un abbraccio, emanuele


  15. te ne trovo un altro, di binomio libro bello/film bello: Colazione da Tiffany
    baciiiiiiii!!!!
    sono di nuovo in rete!


  16. ooopppsss… ma ho letto solo ora il post in cui mi ringrazi… ma… ma…è un gesto dolcissimo…! mi sono commossa, le persone che conosco da una vita si dimenticano quasi sempre di dire grazie – me compresa, eh… – perché si dà per scontata l’amicizia… è come con la mamma… non le si dice mai “ti voglio bene”, perché è una cosa ovvia… invece fa tanto calduccio dentro, quando si ricevono o elargiscono parole d’affetto…
    sei una grande – e ribadisco che, apparte il clima, in Detuschland (ci piace tanto chiamarla così, pronuncia: detushland), si sta proprio bene!!!!


  17. Sonia:
    no, no, io chiedo eccome! 🙂
    se non me li restituiscono spontaneamente, me li vado a riprendere! 😉
    Jack Nicholson, è vero, era perfetto per la parte. Già la faccia da matto l’aveva di suo! 🙂

    Emanuele:
    grazie a voi della proposta! Cercherò di fare un po’ di pubblicità, certo che si!

    Pink:
    bentornata in rete, cara!
    I ringraziamenti te li sei meritati 🙂
    Colazione da Tiffany è un capolavoro dei “Libro/Film!”


  18. Però Kubrick quando ha girato il film non sapeva nulla del tuo bagno multicolor, sennò una delle scene cruciali l’avrebbe girata lì, magari sul bidet rosa! 🙂


  19. Il mattino ha l’oro in bocca. Ma solo in italiano.
    La versione originale (in parodia anche nei Simpsons) è “All work and no play makes Jack a dull
    boy”…. Ma l’italianizzazione è fatta da Mr.K direttamente o dai doppiatori? Qui la risposta (da IMDB):

    The book that Jack was writing contained the one sentence (“All work and no play makes Jack a dull boy”) repeated over and over. Stanley Kubrick had each page individually typed. For the Italian version of the film, Kubrick used the phrase “Il mattino ha l’ oro in bocca” (“He who wakes up early meets a golden day”). For the German version, it was “Was Du heute kannst besorgen, das verschiebe nicht auf Morgen” (“Never put off till tomorrow what you can do today”). For the Spanish version, it was “No por mucho madrugar amanece más temprano” (“Although one will rise early, it won’t dawn sooner.”). For the French version, it was “Un ‘Tiens’ vaut mieux que deux ‘Tu l’auras'” (“A bird in the hand is worth two in the bush”).

    @eulinx: no Kubrick? E Arancia Meccanica? E 2001 soprattutto? Male!


  20. Coneja:
    HAHAHAHA!!! È vero, altro che stanza 237!! :))

    Senpai:
    Si, era stato proprio lui a scegliere le traduzioni!
    Per quanto riguarda Kubrick, lo ammetto: ho provato, ma proprio non mi piace! 😦


  21. @elinux (posso chiamarti così ? :-): c’è di peggio solola stanza 101 di Orwell…


  22. NON TI PIACE KUBRICK???? ritiro gli elogi fatti… 😛
    (eh eh eh)


  23. Senpai:
    se ti fa piacere, chiamami pure elinux!!! :))

    Pink:
    ho capito, va’! Faccio ammenda e mi sparo un Kubrick weekend!! Se poi muoio di noia sono fatti vostri, però!!!
    😉


  24. Ben, finalmente un’altra che ha coraggio di dire che non le piace un regista senza dover dire che è un grande per forza solo perché è famoso! 😛


  25. Io i miei libri non li presto mai, per il tuo stesso motivo…non so perchè non si ritirano mai a casa (sta cosa va studiata;)
    Che lusso Sean, anche io dopo ogni film che vedo ripeto la scena principale fino alla visione del prossimo film…mi sento meno solo adesso:)
    Ciao e buona sttimana!


  26. anche se i libri prestati ritornano indietro, il più delle volte da come li hanno trattati sembrano delle pergamene dell’antico egitto!


  27. Ma “Arancia Meccanica” no? Non adoro Kubrik per principio, ma trovo che la resa del libro in quel caso sia stupefacente. Ciao, Chiara


  28. Se vuoi morire di noia mi permetto di raccomandare Il Dottor Stranamore!


  29. Düss:
    guarda, se dicessi che mi piace Kubrick mentirei spudoratamente!! 🙂

    Gab:
    buona settimana anche a te!

    Namor:
    È vero, e questo è un altro dei motivi per cui non mi piace prestarli! Sembra lo facciano di proposito a stropicciarli. E io che se ci vedo un graffietto sopra mi sento male! 🙂

    Chiara:
    Non saprei, perché il libro non l’ho letto. Lo farò!

    Wanda:
    Già mi vedo perdere conoscenza… 🙂


  30. oggi si e’ battuta la fiacca eh? Ciao dear, buona serata!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: