h1

Catene 2 – la vendetta

gennaio 19, 2007

Il carissimo Düss mi ha incastrata nella catena (dorrrce, come le torte che preparava un tempo!) e mi vedo costretta a confessare 5 cose che non sapete di me.

Dunque, vediamo…

  • Qualche anno fa lavoravo per gli Aeroporti di Roma e, oltre al check-in e agli imbarchi, mi capitava spesso anche il turno agli annunci. “Alitalia volo 406 per Francoforte, imbarco immediato, uscita B10” e altre robe simili. La stanza degli annunci era un tugurio di 2 metri x 2 con un telefono, una sedia e un microfono assai minaccioso. Stare seduta da sola lì dentro e parlare sapendo che l’intero aeroporto di Fiumicino avrebbe sentito la mia voce è una delle cose più imbarazzanti che mi sia capitato di fare. Aggiungo anche che la prima volta che mi è capitato il turno, sono stata mandata lì senza nessun tipo di preparazione e per diversi minuti ho dovuto improvvisare, visto che nessuno mi aveva insegnato. Al primo annuncio che ho dovuto fare, dopo il “plin-plon” del microfono acceso, è seguito un lunghissimo, imbarazzante silenzio e poi una numerosa serie di papere!
  • Il mio bisnonno era un conte (che purtroppo, però, perse tutto ai cavalli!). Il doppio cognome che ancora mi porto dietro è una palla al piede in moltissime situazioni e quando nacque mia sorella, mio padre decise di risparmiarle questa seccatura dandole solo il primo dei due nomi. Con me, invece, deve aver avuto qualche rigurgito aristocratico, perché scelse di affibbiarmeli entrambi. Io e mia sorella, quindi, non abbiamo lo stesso cognome!
  • Quando ero piccola ero convinta che un giorno avrei camminato sulla Luna. Pensavo che nel 2000 si sarebbero potuti fare viaggi spaziali con enorme facilità, come prendere un treno, ed io non vedevo l’ora di partire. Passavo ore a guardare la luna in cielo, e più la guardavo, più mi convincevo che l’avrei fatto davvero. Ancora oggi questa mania di guardare la luna non mi è passata, anche se con la paura di volare che mi è venuta nel frattempo, riuscire a convincermi a fare un viaggio lassù è ancora meno probabile della possibilità di arrivarci con un treno.
  • Ho i piedi prensili! Sì, sì, e riesco a muovere singolarmente un dito alla volta! Un fenomeno da baraccone!!
  • Da piccola non mi separavo mai da una copertina. Come Linus, di giorno e di notte, tutto quello che facevo, lo facevo con questa copertina in mano. La coperta aveva anche un nome, Titta, e se una persona mi stava simpatica, staccavo un pelo della copertina e glielo consegnavo in mano come pegno d’amicizia. Roba da psichiatra, no?

OK, ho confessato, adesso mi sento meglio. Ho deciso di non passare la palla a nessuno, stavolta, viste le conseguenze promesse da Düss!

Advertisements

16 commenti

  1. Bene bene, ma bene bene bene! 😀
    Ora ho capito perché quella volta all’aereoporto di Roma invece di prendere l’aereo per Francoforte, alla fine del viaggio, mi sono trovato in mezzo ai maori! 😐

    …la mia graziella sulla luna ci arriva senza problemi! 😀


  2. DÜSS, sarai stato ammaliato dalla mia vocina, non sarà stata colpa delle mie papere!!! 😀
    Se la graziella arriva pure sulla luna, ti aspetto sotto al quarto lampione domani sera. Fatti trovare, mi raccomando! 😉


  3. Ho sempre invidiato le persone con piedi prensili.
    Ma come si fa?
    C’è un allenamento specifico? 🙂


  4. Ti ho scritto una email qualche settimana fa,ma ho avuto la malaugurata idea di srivere “no subject” come titolo…e sicuramente sara finita nella spazzatura.
    Magari ti riscrivo presto.


  5. Eulinx non sottovalutare i piedi prensili! Sono molto comodi, specie quando sei sul divano e devi raccogliere qualcosa da terra! 😉

    Ma la copertina l’hai tenuta come ricordo o poi l’hai buttata?


  6. La storia della coperta e’ devvero tenera bellissima, un pizzico psycho -condivido-, ma nemmeno Baricco se ne sarebbe uscito con qualcosa di meglio. Anche io sono curiosa di sapere cosa ne e’ stato di Titta…


  7. e per il compleanno una bella chitarra da piede?


  8. DALIANERA:
    No, in gran parte è merito di Madre Natura, ma negli anni ho sicuramente affinato le mie capacità con un po’ di esercizio! 😉

    MARINA:
    Non ricordo d’averla letta, quindi è molto probabile che l’abbia cancellata a causa di quel “no subject” (tipico dello spam!). Scrivimi pure, mi farà piacere! 🙂

    AZATHOTH:
    Anche tu piede prensile? Sono una benedizione, in certe situazioni. Il divano è un esempio eccellente! 😀

    ANJA:
    Le coperte in realtà erano due. Mia mamma ne aveva dovuta comprare una identica per riuscire a lavarne una sostituendola di nascosto con l’altra. Lo scambio avveniva durante il sonno (vai a fidarti delle madri!). Una delle due, quella più “nuova” è ancora a casa dei miei, riposta con cura in un cassetto…o almeno credo! 🙂

    OSCARFERRARI:
    Perché no, è un’idea carina! Magari è la volta buona che riesco ad imparare a suonarla! 😉


  9. @Eulinx: che gentile la mamma! E tu magari che pensavi fosse un miracolo il fatto che la copertina alla notte era sporca e la mattina profumava di pulito 😉


  10. Sono ancora sotto il quarto lampione …intanto gonfio le ruote alla graziella! 😀


  11. AZATHOTH:
    No, ho sempre intuito il suo diabolico piano, ma non avevo le prove per smascherarla! E comunque il profumo di bucato stava così bene addosso a Titta…!! 😀

    DÜSS:
    Pedali tu, vero? Ma i caschi e le bombole li abbiamo??


  12. opsssss, dimenticati …ok, passo alla Coop e li compro! 😐


  13. ehi come stai??
    io ho la mail che non funziona e non riesco a contattarti telefonicamente 🙂
    volevo dirti che sono sopravvissuta al “tornado” anche se ero sul treno Mannheim-Stuttgart giovedì sera…credo di essere una di quelle poche fortunate che hanno beccato l’ultimo treno a disposizione e sono arrivate alla meta in giornata! che fortuna, ci ho messo solo 3 ore!
    volevo solo darti un segnale di vita visto che da mercoledì sparisco nuovamente, andrò da Noah! ricomparirò domenica sera!
    Un bacione a presto
    Estelle


  14. Ahhh che figo! vorrei fare delle confessioni anche io… magari prossimamente!!! 😉


  15. DÜSS:
    OK, non sapevo che li vendessero anche alla Coop! Già che ci sei, prendi pure una bottiglia di Havana, per favore? 😉

    ESTELLE:
    Ti cerco da 5 giorni!! 🙂
    Se riusciamo, vediamoci domani, ok? Un bacio!

    PINK:
    Aggiudicato, ti passo il gioco! Sono proprio curiosa! 😉


  16. Certo che li vendono, e accumuli anche i punti sulla tessera!
    Una bottiglia di Havana? Ok spugna, te la prendo! ahahah 😀



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: