Archive for febbraio 2007

h1

Spanglish/Broccolino

febbraio 27, 2007

Una cosa non positiva (leggi anche “imbarazzante”) di quando vivi lontano da casa da un po’, è che ogni tanto inciampi sulle parole. Da qualche tempo mi sto accorgendo che, nel mezzo di un discorso in italiano, sempre più spesso mi sfuggono le parole giuste, e per rimediare utilizzo due sistemi, entrambi fallimentari:

1. “italianizzo” la parola inglese o tedesca che mi viene in mente, coniando di volta in volta termini nuovi e incomprensibili.

2. utilizzo direttamente la parola inglese o tedesca che mi viene in mente, e il risultato è comunque incomprensibile se sto parlando con una persona che non parla inglese o tedesco. Qui di seguito alcuni esempi e stralci di conversazioni, giusto quelli che mi vengono in mente al momento.

E’ imbarabile (unbearable=insopportabile)

Il vecchio appartamento è sullo stesso blocco (block=isolato)

Le tapparelle sono sciatte (shut=chiuse)

Ho inalato il fumo della sigaretta (to inhale=aspirare)

Domani si può andare a spaziare (spazieren=passeggiare)

Non riesco a pitturarlo nella mia mente (I can’t picture it in my mind=non riesco a immaginarlo?)

Sono…ehm…ehm…overwhelmed (=sopraffatta. Risposta di mia madre al telefono: “Ove che?”)

Attualmente è blu (actually=in verità?)

Questo post è dedicato alla mia amica Estelle, preziosa compagna di sventura in Cruccolandia, vittima dello stesso problema e artefice di frasi simili. Lei è la sola che mi capisca in questa situazione. Nel senso che capisce la situazione, ma anche nel senso che capisce quello che dico senza troppe spiegazioni! Qualche volta sentirci parlare può diventare esilarante. La lingua che ne esce fuori è davvero curiosa!

h1

Piani

febbraio 19, 2007

La prima macchinetta fotografica che ho avuto mi è stata regalata dai miei quando avevo più o meno 9 anni. L’ho consumata! Ho speso tanti di quei soldi in rullini e sviluppi che credo mi ci sarei potuta comprare uno studio tutto mio.

A vent’anni – e un paio di macchinette nuove più tardi – ho scartato la possibilità di frequentare un corso di fotografia perché troppo caro e troppo scomodo da raggiungere. Me ne sono pentita per anni, ma adesso ho deciso di rimettermi a studiare. Inizio da autodidatta e vediamo dove arrivo. Come accennavo qualche giorno fa, ci sono dei nuovi progetti legati a questo argomento. Alcune foto sono in vendita e riscuotono anche un discreto interesse. Non mi importa poi molto del guadagno, in tutta onestà. Per ora posso dire che l’entusiasmo mi ha contagiato e l’umore sta raggiungendo picchi elevatissimi!

Gli altri progetti che stiamo covando – non ce la faccio più a non dirlo! – riguardano l’ampliamento della famiglia!! Ho finalmente (forse) smesso di farmi il quotidiano miliardo di pippe mentali sull’argomento e ho deciso che tutto sommato non sarei poi un catastrofico sbaglio come madre. Io e Sean ne parliamo ormai da settimane in maniera più concreta e, anche se non so ancora come abbia fatto, è riuscito a convincermi. Ora finalmente smetteremo di parlarne e passeremo ai fatti, che come tutti sanno è anche la parte più divertente! 😀

Insomma, volevo aggiornarvi sui motivi del mio umore in ripresa. All’orizzonte vedo un piccolo italo-crucchino (meglio se italo-crucchina) con un album fotografico da fare invidia!

h1

Per chi crede di averle sentite già tutte

febbraio 15, 2007

koenig.jpgForse non tutti sanno che in Germania il carnevale è una festa molto sentita. Ci sono città, come Colonia, per esempio, in cui il giorno di martedì grasso scuole e uffici restano chiusi per dare la possibilità a tutti di festeggiare come si deve (carri, balli e tutte quelle altre amenità che personalmente detesto con tutto il cuore).

Qui a Mannheim stanno già allestendo il necessario per una festa coi fiocchi, della serie “ogni occasione è buona per fare caciara” e del resto, quale occasione migliore del carnevale??

Ora, c’è chi l’avrà già capito, c’è chi farà finta di non aver capito, ma c’è anche chi si starà ancora chiedendo cosa sia la figura qui a sinistra. Ebbene sì, trattasi di maschera carnevalesca per pene umano! Scaricabile dal sito della Durex, si ritaglia con le forbici come indicato dalla figura e si applica sull’ignaro interessato. E che diamine, finalmente qualcuno ha pensato anche a loro, povere creature da sempre escluse da questa festa tanto allegra! Io ho scelto questa deliziosa maschera da sovrano, ma sul sito ce n’è per tutti i gusti: dallo smoking raffinato, al classico cowboy. Riuscirò a convincere Sean ad indossarla per il nostro privatissimo martedì grasso? 😀

h1

A Volte Ritornano

febbraio 13, 2007

Non ce la faccio a far morire il blog. Vedere la mia creatura esanime mi rattrista, quindi ho deciso di non chiudere. Probabilmente rallenterò parecchio con la pubblicazione. O forse no. Diciamo che farò quello che si dovrebbe fare sempre, e cioè seguire il proprio istinto.

Io sono un’esperta in questo. Seguire l’istinto è una cosa che mi riesce benissimo, ho un vero talento. Sono talmente brava che qualche volta mi chiedo se la razionalità abbia un ruolo seppur minimo nella mia esistenza. Sono talmente brava che vi farei vedere in quanti bei guai mi caccio di volta in volta, annullando quasi totalmente l’uso dei neuroni. Agire senza pensarci troppo: fortuna o disgrazia?

Nei periodi bui che questo lato del mio carattere inevitabilmente porta, mi maledico per essere tanto precipitosa. Vorrei essere una di quelle persone che con i loro piedi ben piantati a terra non rischiano mai di cadere e farsi male. Quando poi il periodo buio passa, però, è bello sapere che il volo è valso la caduta, perché con i piedi ben piantati a terra mica si va da nessuna parte.

Quindi la mia risposta è che agire senza pensarci troppo è una fortuna. Una gran fortuna, altroché.

Sono giornate allegre, queste. Mi sto divertendo parecchio, alla faccia degli alti e bassi di cui parlavo nell’ultimo post. Mi sento particolarmente creativa, più del solito, e la cosa non mi dispiace affatto. Abbiamo un paio di progetti interessanti e inaspettati in cantiere. In più, stiamo programmando un viaggio, niente di impegnativo, solo qualche giorno per staccare la spina. Sean vuole andare a Cipro, io sto spingendo per la Norvegia. Si accettano scommesse sulla meta finale, ma si accettano anche altre proposte e consigli!

Infine, grazie a tutti quelli che mi hanno scritto in privato e chiedo davvero scusa per non aver ancora risposto. Lo farò presto. Un grazie speciale a Düss per esserci stato, per aver ascoltato, per avermi fatto sorridere.