h1

Un libro aperto

novembre 23, 2007

Io, che spesso mi considero una persona piuttosto complicata e difficile da capire anche a me stessa, in questi ultimi giorni sto facendo sogni dalla semplicità interpretativa quasi imbarazzante.

L’altra notte camminavo per le strade di Roma a qualche giorno dalla fine di una guerra, e i marciapiedi e le vie -deserte – erano un tappeto di cadaveri. Ce n’erano così tanti che bisognava scavalcarli per riuscire ad andare avanti. Poi ho incontrato dei tizi che stavano ricostruendo muri e palazzi e, guardando bene, mi sono accorta che stavano costruendo sui corpi. Dai muri ancora aperti si intravedevano mani e piedi e, terrorizzata, ho chiesto ad un uomo se per caso fossero impazziti a tirare su palazzi sui cadaveri della gente. Lui, sereno, mi risponde che ce ne sono talmente tanti che nessuno ci farà caso, che nessuno cercherà mai queste persone perché, in fin dei conti, sono morti quasi tutti. Con le lacrime agli occhi gli chiedo chi mai vorrebbe vivere in una casa del genere, e lui, sempre serafico, mi dice che quando non ci sono alternative si vive anche in posti come quello.

Ieri notte, invece, stavo accompagnando un bambino a scuola e lo tenevo per mano. Mentre attraversiamo la strada, arriva un’auto bianca che mi colpisce facendomi cadere a terra. Mi rialzo arrabbiata, pronta ad inveire contro il conducente, quando vedo un mucchietto di persone avvicinarsi a quello che è ormai il mio cadavere rimasto immobile a terra. Capisco d’essere morta e ho qualche momento di confusione. Poi decido che devo correre a casa per dirlo a mia madre, per dirle che sto bene anche se non sono più viva. Arrivo nel palazzo e lo trovo chiuso, i vicini sanno già della notizia e parlottano di me e della disgrazia. Cerco di entrare gridando il mio nome, ma non mi sente nessuno. Poi, in qualche modo che non ricordo, riesco a salire e trovo mia madre in camera sul suo letto che piange e si dispera. Cerco di parlarle per tranquillizzarla, ma io stessa non sento la mia voce, pur urlando con quanto fiato ho in gola.

Penso e ripenso a questi e altri sogni da un paio di giorni, ogni volta trovando un particolare nuovo, ogni volta decifrando un simbolo apparentemente insignificante. Trovo che siano uno specchio incredibilmente preciso delle mie emozioni di questi giorni, e non sono certo i miei studi interrotti di psicologia a darmi la facilità d’interpretazione. Trovo questi sogni talmente facili da capire che mi sembra d’aver letto una pagina di me stessa che prima non riuscivo a conoscere. È una strana sensazione.

E no, non ho mangiato la peperonata per cena!😀

27 commenti

  1. Caspita, mi hai anticipato la battuta della peperonata!😦

    Va beh, ma ricorda che non devi neanche mangiare impepata di cozze con le cotiche prima i andare a dormire!😀

    Comunque sia la morte, in sogno, non è negativa, vuol dire la fine di una cosa e l’inizio di un altra …me lo ha detto il mio amico Mago Otelma e, se lo dice lui, io mi fido!😀


  2. Nei momenti di difficoltà il nostro inconscio ci manda messaggi, talora inquietanti, ma è un buon segno: penso che significa che non abbiamo rimosso i problemi, ma stiamo cercando di metabolizzarli.


  3. Devo scrivere un post su un sogno che ho fatto io… inquietante il sogno anche per altri motivi…
    Interssante e bello continuare a rileggerti!


  4. Bell’argomento i sogni🙂
    Io ne faccio di stranissimi😦
    Il primo forse ti vuol far capire che per quanto sia dolorosa una storia che finisce, vale sempre la pena andare avanti e costruirsi un futuro perché alla fine è l’unico modo per tornare a vivere, anche se il passato ce lo portiamo dentro, diciamo che continua a far parte delle nostre fondamenta ma non vuol dire che non si possa avere un bellissimo futuro no?🙂
    Il secondo non so, ne ho fatti diversi simili, in cui morivo e cercavo di farmi sentire dagli altri ma nessuno poteva vedermi e sentirmi.
    Chissà forse vuol farti capire che avresti bisogno di più attenzioni in questo momento e che ti sembra che nessuno riesca davvero a ‘vedere’ come stai.
    Io di solito quando faccio un sogno simile è perché mi sento estremamente incompresa e sola…

    Vabeh… io ho provato, ma come psicologa sono pessima😦
    In bocca al lupo!!🙂

    Un abbraccio e buon weekend!🙂


  5. é vero, questi sogni sono chiarissimi, quasi non occorre interpretarli.
    questo é quello che ho capito io.

    sogno 1
    vuoi diventare imprenditrice edile a palermo, dove i piloni contengono cadaveri di persone di cui nessuno parla.

    sogno 2
    gli incidenti automobilistici fanno venire la laringite, a prescindere dal punto del corpo colpito.

    consiglio: prova a mangiare la peperonata subito prima di andare a nanna ;-D

    t´abbraaaacioooo…


  6. La peperonata no, però magari hai provato la mia zuppa di ceci?😉

    Un abbraccio


  7. che paura pero’ 0_o


  8. quando i sogni ti angosciano, fai come me, che dico “fermi tutti, è un sogno” e mi sveglio. ogni tanto provo a dirlo anche a occhi aperti, ma non funziona.

    schöne grüße🙂


  9. Buon per te! Piu’ ci si capisce piu’ si faranno scelte giuste per se stessi.


  10. Sogni agghiaccianti… di quelli che poi, quando ti svegli è quasi un sollievo anche se la tua vita fa acqua da tutte le parti, ma almeno al delitto e all’abominio non è ancora arrivata, la vita. Fluttua in una normalità nella quale tutto può ancora accadere il bene come il male. sii ottimista. Un saluto carissimo.


  11. Anche io credo alle metabolizzazioni dei sogni e alle fenici. Per riiniziare, bisogna lasciare andare e prima di questo, mettersi nella condizione di farlo, di saper lasciare andare le cose.


  12. ultimamente io faccio sogni inquietanti e a tratti troppo realistici…
    niente peperonata a cena però… mah!


  13. DÜSS:
    Ma nemmeno lo stinco con i crauti va bene? Uffa, però, l’impepata di cozze mi aiuta proprio prima di dormire…😦

    SCIURA PINA:
    Lo penso anch’io, non credo siano “messaggi” negativi quelli nei miei sogni. Credo che anzi mi abbiano auitato a focalizzare i problemi.

    NANDINA:
    Grazie!🙂
    Non vedo l’ora di leggerlo, il tuo sogno inquietante!🙂

    AZATHOTH:
    Il primo sogno secondo me è pieno di simboli: la guerra (il disagio tra me e Sean), l’inciampare sui cadaveri (difficoltà a camminare per la mia strada), il costruire case sui corpi (voglia di ricostruire anche dopo un fallimento), ma senso di terrore all’idea di viverci dentro (paura di andare avanti da sola). O almeno è così che io l’ho interpretato.
    Del secondo sogno la cosa che meno mi piace è quella di urlare con tutto il fiato che ho in gola senza emettere suono. Non mi capita spesso di fare sogni così, ma li detesto.
    Un abbraccio a te, grazie della tua interpretazione (prendo nota!)😉

    MAURO:
    Grazie Mauro della bella risata che mi hai regalato! Ho appena riletto il commento e ho riso di nuovo di cuore!😀
    Un abbraccio

    DIONISO:
    La tua zuppa di ceci è criminale, come tutti i piatti tuoi e di Sugar! Dovreste seriamente cominciare a pensare d’aprire un ristorante! A proposito, sabato provo la chiocciola!😉

    NONSISAMAI:
    Sai che in realtà non provavo paura? Magari un po’ d’angoscia in qualche parte del sogno, ma non paura. Ero piuttosto serena. Oddio, è grave???🙂

    CHIARADAVINCI:
    Fantastico, lo faccio anch’io a volte!😀 Sarebbe bello poterlo fare anche nella vita reale!😉

    FILIPPO:
    Lo spero di cuore!😉

    FABRIZIO:
    Grazie mille, è un bell’augurio! Cercherò d’essere ottimista. Non mi viene facile ultimamente, ma cercherò!😉

    ANJA:
    In questo non sono brava, io. Lasciar andare le cose è un sacrificio enorme che spesso scelgo di non fare, pur di non separarmene. Ma ci sto lavorando, ci lavoro.🙂

    NANDINA:
    Mi avete fatto venir voglia di peperonata!! E sono le 19.00!! Quasi quasi…
    Io aspetto il racconto del tuo sogno, eh!🙂


  14. Passata la laringite?


  15. La laringite??


  16. Ah! Bene! Fammi sapere mi raccomando.


  17. cambieranno i sogni.
    fidati.
    devi elaborare questa situazione difficile e cosi pesante.
    pesante come i tuoi sogni.

    un abbraccio.


  18. Si, la laringite!
    Sai è quel disturbo alle corde vocali che non permette di parlare o che, nel migliore dei casi fa diventare afono!😀


  19. Pulcina carissima, io sono secoli che faccio l’assenteista, ma siccome non mi dimentico e anzi spesso penso e penso, eccomi stasera a vedere come stai tu. E ti trovo così, super forte in mezzo ad un tornado. Io compio 34 anni a febbraio e a dicembre con il mio d’irlandese festeggio 6 anni di convivenza. e anche noi abbiamo i nostri fattacci ed il fatto che si viva tanto lontano dall’italia doesn not help. per cui leggo tutti questi posts e mi sbriciolo. ti sono vicina, anche da quaggiù, attraverso la blogosfera. ti abbraccio.Fracci


  20. ammappete😛 ke sogni …

    hai provato con tisana e una “verde_bombetta” pre-nanna???

    tiMandoAStarBene


  21. ZZZZZZZZZZZ …ZZZZZZZZZZZZZZ …ZZZZZZZZ …EH? …AH? …ZZZZZZZZZZZ …ZZZZZZZZ …C-C-C …C-C-C …ZZZZZZZ …C-C-C …GNAM GNAM


  22. DUSS: ,..si dorme bene èh!?! con l’erba del diavolo😕 ihk ihk ihk!!!

    *********************************
    FuckTheTraffik, UseYourBike
    KILLA_BIKE!


  23. Eulinx, ma prego, son una frana nelle interpretazioni, ma ci provo lo stesso😛
    Cmq quello di urlare con tutto il fiato e non essere sentita da nessuno è un sogno che anche io detesto ma che purtroppo mi capita di fare abbastanza spesso.
    Pensa a quanto lo detesta D. visto che io mentre sogno urlo per davvero!!😀

    Buon fine settimana!!😉


  24. DIONISO:
    Alla fine ho optato per la classica torta al cioccolato, quella che non si può sbagliare!😉 Però ho ancora intenzione di provare quella meraviglia…

    LUNE:
    Lo spero, vorrebbe dire che ho già risolto parte di questi casini!😉
    Un abbraccio a te.

    DÜSS:
    Ahhh, non c’ero arrivata: è perché nel sogno urlo senza voce, no? Ma tanto non mi sta mai a sentire nessuno in ogni caso!!😦

    FRACCI:
    Grazie. Anch’io mi assento parecchio dal tuo blog, ma ogni tanto passo per sbirciare e assicurarmi che tutto vada bene per te. Un abbraccio forte per te, che tutto possa andare per il meglio, che te lo meriti!😉

    SLAY:
    Finalmente un consiglio sensato!!!!😀

    DÜSS:
    Dormi? Eh? Dormivi? Eh? Che fai, dormi? Ti ho svegliato? Eh?😀

    AZATHOTH:
    Ma povero D.!!!!😀


  25. GGGRRRRRRRRRRRRRRRRR …😡
    Ssssssaaaaaaaaa me dorme!😀


  26. Te l’ho detto che non mi sta mai a sentire nessuno!😦
    Ecco perché quando ho sentito russare mi sono chiesta:
    ma dormirà? eh? dorme? eh? starà dormendo? Chissà se dorme…eh?😀


  27. Ma no Eulinx, quale povero D.
    Se vuole l’aureola per Natale deve meritarsela in qualche modo no?😀



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: